carousel

Per un'esperienza di navigazione migliore...

ruota-dispositivo

...ruota il tuo dispositivo, grazie!

logo-alessandro-severino-bn

"Ospiti
a casa Vostra"

logo-alessandro-severino-orizzontale
25/05/2022

La vita è un gran buffet

la vita e un gran buffet

Sembra il titolo di un bel libro, o di una grande film, di quelli che l'Italia sta sfornando negli ultimi anni. Invece sono le situazioni che mi stanno capitando ai miei eventi di chef a domicilio in questi ultimi mesi, soprattutto in questo mese, molte richieste di banchetti o buffet, per comunioni  e cresime, allestite a casa o negli spazi del cliente. Io da buon chef a domicilio di zona, che sia Monza e la Brianza o Milano e provincia, non fa differenza, oramai non conto più le cucine che ho avuto il piacere di utilizzare, non dando molto peso al luogo dove è ubicata. Ah che sia chiaro, la cucina a fine servizio di personal chef, la pulisco, è un gesto di rispetto per la cucina in se e per chi, mi ha concesso di utilizzarla. La vita è un gran buffet dicevo, ma non intendevo solo per il cibo preparato per voi, ma ho notato che lo scambio che avviene mentre si mangia in piedi, magari un finger food, scambiando due parole con chi hai al fianco, oppure con lo chef, è qualcosa di eccezionale! Solo questo mese ho avuto il piacere di parlare durante i miei piccoli eventi, dalle 15 alle 30 persone per volta, a più di un centinaio di persone, e devo dire che non sono un problema gestirle, anzi, considerando che nel mentre le mie mani lavorano, scambio quattro chiacchere con qualche ospite passato a vedere cosa combinassi, ed è sempre piacevole, dare consiglio di cucina, o spiegare il mio servizio di chef a domicilio, oppure, raccontare qualche aneddoto che mi è capitato sul campo. Eccezionale, lo scambio che avviene tra cibo e persone, penso che in quel momento, la socializzazione sia davvero sincera, onesta. Faccio un esempio per capire il mio punto di vista. Se 2 persone che, mentre mangiano scambiano l'opinione sulla stessa cosa assaggiata, avranno tre macro opzioni: 1.piaciuto, 2.non piaciuto, 3.è un po' anni 80. In ogni caso è una risposta sincera, nessuno degli interlocutori non ha cucinato ciò che ha mangiato, quindi non ha motivo di non esternare la propria verità.

Allora ho ipotizzato nella mia testa, ma se la guerra fosse disputata a tavola, tabellone di risiko, ma al posto dei carrarmati, dei finger food piazzati sulle varie nazioni, c'è un'insalata russa da una parte, un pollo alla Kiev dall'altra, sarebbe proprio una bella ipotesi la mia, pazzerella, ma non così tanto strampalata come in un bel libro o un gran film, che producono oggi in Italia.